News

Testo de Sa Canthone de is cossos de suta

11

Il testo della canzone dei reggiseni, cantata popolare della zona di Arzana, Ogliastra.




Sa canthone de is cossos de suta (versione da
ballo)

 

Sa canthone de is cossos de suta

Ritrogà:

Bagadieddas ci seis a sa munta

Non di lasseis cena nd’aponteddari

Totu s’Olliastra comporat gaddini

de cuddas ci ant fatu bancaorruta

Ma non funt solu Irvono cun Elini

Ci ant parti in is cossos de suta

Totu sas baianas ci funt a sa munta

Non ddue nd’at una cena ndi portari

Cena ndi portari non ddue nd’at una

Siat erricca, pobera accordà

Paulina Orrù cun Maria Faa

Funt prangendo sa mala fortuna

Ca funt bessias a tita caturà

Malapit de moda e cini dd’at bogà

Non ci ant prus a pensari

A fairi cossos de cussa manera

Ci a bidda nostra benit sa fiera

Cicia Ferreli prima at a pigari

Cicia Ferreli at pigau medalla

Ca portat ambas is titas punta a susu

Rosa Tibbiu di batalla

Ca issa si ddas ampulat de prùs

Is fixas de Murredda nd’ant dùs

E si ddus ponent a cambiu de pari

Issas ddus portant a mese a mese

Is fixas de Annesa Sorigone

No lis agradat sa tela de cotone

Si l’ant fatu de pedde de angione

Orrosedda Ferreli est in pelea

Mes’annu bolet a ddu concruiri

Mes’annu a ddu concruireddu

Ma chi si dd’at pigau concruiu

Est Marianna Stochinu Belleddu

Ca in mesu mesu portat unu steddu

De cantu est bellu, pintau e frorìu

A cannaciali dd’ant a pompiari

Comente bastimentu in artu mari

Comente bastimentu in arta vela

Su de is sorres Macetos est uguali

A su ci portat Barthanu Manuela

Bagadieddas bendeis sa mela

E su cosso lassaeddu istari

Lassai istari su cosso de trumentu

E is titixeddas a su naturali

Totus portais su petus detentu

A usu de presutu postu in sali

Su bixinau de Santu Visente

No dischiat s’orroba de comporari

Ci non nde ddis providit Balentinu

Candu ddis narat cala a mangasinu

Ca a pramu a pramu nde dd’at a donari

Ca nde dd’at a dari a pramu a pramu

Comente anca at tentu in su foeddu

In Prathas de Giosso faint recramu

Ca ddu est Cicia Mereu Marteddu

Cussa lu portat canudu e nieddu

In apertura cena incraeddari

In Su Thurreddu no ddue agatu contu

Ca sa fruta est pitica e galu dura

Cicia Muceli mi pigat po tontu

Ca no ddi pargiu spiciu in sa letura

Ma ci su cosso non tenet a brontu

Sa mela ddi passat de cotura

Crara Muceli ndi fait de errisu

De totu cussus cossos fracadangiu

Ma ci Deus mandat una ecrisu

Ndi betat da mela e s’arangiu

La canzone dei reggiseni

Ritornello:

Giovani prosperose

Non lasciate i seni senza sostegno

Tutta l’Ogliastra compra cose futili,

Quelle che hanno portato alla rovina

Non sono soltanto Ilbono ed Elini

Che hanno fatto uso dei reggiseni

Tra quelle pronte ad essere munte

Non ce n’è una che non lo indossi

Che non lo porti non ce n’è una

Siano ricche oppure serve

Paolina Orrù e Maria Faa

Stanno piangendo per una disgrazia

Perché son uscite
col seno segregato

Maledetta moda e chi l’ha inventata

Non ci penseranno mai più

A fare reggiseni in quel modo

Se in paese arriva la fiera

Franca Ferreli lo comprerà per prima

Franca Ferreli ha preso la medaglia

Perché ha i seni a punta insù

Risa Tibbiu le dichiara guerra

Perché lei le solleva di più

Le figlie di Murredda ne hanno due

E se li mettono a vicenda

Li indossano un mese alla volta

Le figlie di Agnese Sorigone

Poiché non amano la tela di cotone

Se lo han fatto di pelle di agnello

Rosa Ferreli sta combattendo

Mezz’anno vuole per terminarlo

Mezz’anno per terminarlo

Quella che l’ha preso già finito

È Maria Stochinu Belleddu

In mezzo ha una stella

Da quanto è bello e decorato

Lo guarderanno col cannocchiale

Come una nave in alto mare

Come una nave in alta vela

Quello delle sorelle Maceto è uguale

A quello che ha Balzano Manuela

Signorine vendete la mela

E il reggiseno lasciatelo stare

Lasciate stare questo tormento

E lasciate le tettine al naturale

Avete tutte il seno schiacciato

Come un prosciutto sotto sale

Il vicinato di San Vincenzo

Per la roba non saprebbero che fare

Se non gliene procura Valentino

Dice loro di scendere in magazzino

E gliene darà palmo a palmo

Palmo a palmo gliene darà

Così come ha promesso

In Prathas Giosso protestano

Perché c’è Franca Mereu Marteddu

Lei lo ha grigio e nero

Con l’apertura sbottonata

Di Su Thurreddu non ne tengo conto

Perché la frutta è piccola e dura

Franca Muceli mi prende per tonto

Crede che non bravo nella lettura

Ma se non prepara il reggiseno

Le mele si seccheranno

Clara Muceli ne fa di risate

Di tutti quei reggiseni da strapazzo

Ma se Dio manda un’eclissi

Fa cadere le mele e le arance

letto (126) volte

About the author / 

Elio Turis

Related Posts

come diventare socio

Le modalità per associarsi all’ACSIT sono le seguenti:
SOCIO ORDINARIO: quota associativa di 20 euro; SOCIO UNDER 35: quota associativa di 10 euro;
Come pagare la quota associativa:
Contanti: presso la nostra sede sociale in Piazza Santa Croce 19, Firenze;
- Bonifico bancario: sul concorrente bancario IBAN: IT 71 Q 01030 02804 000000120109
- Bollettino postale: sul conto numero 17385501

Completa la tua iscrizione

servizio biglietteria

Il nostro servizio biglietteria di permettere di viaggiare in Sardegna a tariffe agevolate. Scopri come fare cliccando qui per contatti scrivia a: bigliettazione@acsitfirenze.net

Wisdom Informatica

sconti dal 20% al 40% per i socio A.C.S.I.T.

Con tessera annuale valida

CATEGORIE

PROSSIMI EVENTI ACSIT