Eventi Acsit

“Sa sie de sa Sardigna” Grande successo all’inaugurazione della mostra ILLUSTRATORI DI SARDEGNA: Arte e grafica nei libri e nelle riviste del ‘900

139

Sala affollata per l’inaugurazione della mostra “ILLUSTRATORI DI SARDEGNA”, promossa da ACSIT (Associazione Culturale Sardi in Toscana) in collaborazione con Biblioteca Nazionale Centrale Firenze e curata da Angelino Mereu (ACSIT) e Silvia Alessandri (BNCF) con il contributo di Elisabetta Francioni (BNCF).
Nel suo saluto Luca Bellingeri, Direttore della Biblioteca Nazionale, ha messo in risalto la particolarità della mostra che, con oltre 200 pezzi esposti, evidenzia il percorso artistico di una trentina tra artisti, grafici e illustratori che hanno in comune le origini sarde. “Ci fa piacere – ha sottolineato Bellingeri – che l’iniziativa abbia un accoglienza favorevole che ci permette di far conoscere il patrimonio della Biblioteca Nazionale, anche quando si tratta di una manifestazione mirata e specifica come questa sugli illustratori sardi”.
Serafina Mascia, presidentessa della FASI, la Federazione delle Associazioni Sarde in Italia ha portato il saluto dei 70 circoli sardi sparsi nella penisola è ha posto l’accento sull’importanza della figura di Grazia Deledda che, con il suo lavoro di scrittrice, ha contribuito in maniera determinante a far conoscere una Sardegna diversa rispetto a quella raccontata dai giornali e dalle cronache dell’epoca.
Con grande enfasi è intervenuto il Presidente Onorario ACSIT Gianni Conti che nel suo intervento ha ripercorso alcune tappe importanti del circolo di Firenze legate alle mostre realizzate in passato a Firenze su Costantino Nivola e su Francesco Ciusa. “Mostre – ha detto Conti – che confermano lo stretto rapporto tra Firenze, la Sardegna e i suoi artisti, legati da un profondo scambio culturale con la Toscana che nel tempo non ha mai avuto sosta”
Presente tra il numeroso pubblico anche il critico d’arte Corrado Marsan che è voluto intervenire per mettere in risalto l’opera grandiosa di alcuni degli artisti sardi in mostra, tra cui Mario Sironi, con particolare riferimento a quelli legati alla rivista L’Eroica e ai movimenti artistici che rilanciarono la xilografia in Italia. “Un movimento grandioso che ha dato lustro a numerosi artisti e che ha fatto primeggiare gli artisti sardi”.
Nel suo intervento Silvia Alessandri, vicedirettrice della Biblioteca Nazionale e responsabile delle attività culturali, ha sottolineato come nel caso della mostra Illustratori di Sardegna si sia venuto a creare un felice sodalizio tra pubblico e privato basato su principi esclusivamente culturali: “Il rapporto tra ACSIT e Biblioteca Nazionale avviato con questa mostra è la dimostrazione che quando le cose sono fatte bene e con passione si riescono a mettere in moto interessanti sinergie in grado di dar vita a iniziative più che positive, per i privati e per le istituzioni”.
L’intervento conclusivo di Angelino Mereu, ideatore e curatore della mostra, ha fatto il punto su alcuni fatti storici che hanno permesso agli artisti sardi di emergere. In primo luogo ha evidenziato il ruolo di “talent scout” svolto da Grazia Deledda che sempre ha cercato di aiutare e sostenere gli artisti sardi. In secondo luogo Mereu ha messo in risalto la figura di Francesco Ciusa, scultore di Nuoro, che con la scultura La Madre dell’ucciso trionfò alla Biennale di Venezia nel 1906 e fece conoscere una Sardegna fatta anche di artisti in grado di realizzare opere nuove e diverse rispetto agli stili imperanti in quel periodo.
Mereu ha poi posto l’accento sui tragici eventi della prima guerra mondiale che portarono alla ribalta “gli intrepidi sardi” e fecero letteralmente scoprire la Sardegna alla stragrande maggioranza degli italiani. Un fatto che contribuì a far conoscere al grosso pubblico artisti e illustratori sardi che con le loro opere documentarono il tragico evento e che da quell’esperienza finirono per affermarsi su giornali e riviste, come successe, ad esempio, al nutrito gruppo di artisti che realizzarono le copertine del popolarissimo Giornalino della Domenica, regolarmente presenti ed esposte in mostra.
Mereu ha continuato illustrando il percorso artistico di alcuni dei protagonisti dell’arte sarda del ‘900, tra cui Mario Delitala, grande pittore che con le sue xilografie contribuì al successo de L’Eroica, e Costantino Nivola, emigrato negli USA dove riuscì ad affermarsi come grafico e come scultore diventando uno dei più importanti artisti a livello internazionale.
La visita alle sale che ospitano la mostra ha permesso al numeroso pubblico di apprezzare la globalità del materiale esposto che sintetizza e rende bene l’idea di quanto, in generale, sia stato importante il contributo degli artisti sardi alla storia e allo sviluppo della grafica e dell’illustrazione. Emergono artisti come Edina Altara e Pino Melis, specialisti di illustrazioni di libri per l’infanzia, o Primo Sinòpico e Gigi Caldanzano che hanno rivoluzionato il modo di fare pubblicità, per non parlare di Giovanni Pintori, per quarant’anni vero e proprio motore pubblicitario della Olivetti, e senza trascurare illustratori come Giovanna Manca e Ennio Zedda, animatori di giornalini popolari per bambini e creatori di personaggi dei fumetti passati alla storia, come ad esempio il Pier Lambicchi ideato da Manca per il Corrierino dei Piccoli.
Una mostra, insomma, tutta da godere anche grazie alla presenza di alcuni totem esplicativi su fatti e personaggi, e grazie, soprattutto, ad una splendida cartella (sempre curata e realizzata da Mereu) che raccoglie 32 schede biografiche di altrettanti artisti sardi raccontati in sintesi.
Segnaliamo che la mostra rimarrà aperta sino al prossimo 4 maggio e che domenica 1 maggio la Biblioteca Nazionale rimarrà eccezionalmente aperta al pubblico in quanto sono previste diverse visite guidate. La mattina dalle 10.30 alle 12.30 e il pomeriggio dalle 16.30 alle 18.30 sarà presente Angelino Mereu, curatore della mostra “Illustratori di Sardegna”, a disposizione di chi vorrà visitarla.

letto (44) volte

About the author / 

Elio Turis

Related Posts

come diventare socio

Le modalità per associarsi all’ACSIT sono le seguenti:
SOCIO ORDINARIO: quota associativa di 20 euro; SOCIO UNDER 35: quota associativa di 10 euro;
Come pagare la quota associativa:
Contanti: presso la nostra sede sociale in Piazza Santa Croce 19, Firenze;
- Bonifico bancario: sul concorrente bancario IBAN: IT 71 Q 01030 02804 000000120109
- Bollettino postale: sul conto numero 17385501

Completa la tua iscrizione

servizio biglietteria

Il nostro servizio biglietteria di permettere di viaggiare in Sardegna a tariffe agevolate. Scopri come fare cliccando qui per contatti scrivia a: bigliettazione@acsitfirenze.net

Wisdom Informatica

sconti dal 20% al 40% per i socio A.C.S.I.T.

Con tessera annuale valida

CATEGORIE

PROSSIMI EVENTI ACSIT